Speciale!


Byliner, quando l'esperienza di lettura è più importante del formato

25 Mar 2014 in reading app | questo post è lungo 522 parole

La mission è semplice, come lo è quando si hanno le idee chiare: Byliner brings you the right story for every moment and mood. .

L'editoria accarezza da tempo l'idea di un'applicazione basata sul modello all you can read, il famoso Spotify per gli ebook di cui abbiamo parlato qui. Byliner rientra in parte in questo modello, ma non è solo questo. In un'unica applicazione, trovi sempre qualcosa da leggere. Già, ma che cosa?

Libri, certo: centinaia di pluri-premiati autori con più di trentamila storie tra romanzi e racconti sono presenti su Byliner e il lettore ha la possibilità di "seguirli", ossia di ricevere notifiche se pubblicano novità o aggiornamenti.

Ma non solo: come accade con i feed reader, su Byliner puoi leggere long articles attuali e di archivio pubblicati sulle più importanti testate giornalistiche e post provenienti dal web.

L'idea che in un'unica applicazione sia possibile accedere a libri così come ad articoli scardina forse uno degli ultimi retaggi di un modo di organizzare le informazioni figlio dell'industria cartacea: ha davvero senso leggere i tuoi feed da una parte e i tuoi ebook dall'altra? Probabilmente no.

Ha senso invece trovare facilmente qualcosa da leggere in base a quanto tempo hai a disposizione in un dato momento, o all'argomento che ti interessa, o al tuo umore.

Insomma, la catalogazione basata sul contenuto (sia per genere che per argomento) e sull'esperienza di lettura (quanto tempo ho per leggere?) prevale su quella basata sul formato (un articolo piuttosto che un libro).

Proprio l'esperienza di lettura è uno dei punti di forza di Byliner: un design elegante, un alto livello di usabilità, un'applicazione perfettamente funzionante.

Le funzioni che vuoi ci sono: puoi salvare una lista delle tue letture preferite, puoi ricevere suggerimenti personalizzati in base al tuo gradimento, espresso dai tuoi feedback (puoi segnalare gli articoli che ti piacciono e condividerli direttamente sui social network). Ma c'è anche il famoso fattore umano, ossia gli Editor's Picks: consigli di lettura selezionati dalla redazione in base a criteri di qualità oltre che di pertinenza. La stessa redazione, nonché gli autori, possono poi creare delle collezioni, ossia percorsi che aggregano letture interessanti su dati argomenti o tendenze, provenienti da fonti diverse e di diversi formati.

Se invece ami la serendipità, hai anche la possibilità di farti sorprendere da Byliner e scoprire letture inaspettate.

L'app funziona sulla base di un abbonamento mensile che costa 5.99$.

I limiti: be', non è detto che soddisfi proprio tutte le tue esigenze di lettura, principalmente per questioni di disponibilità di catalogo. Al solito, con questo sistema non possiedi i libri, ma accedi ad essi. In due parole: li leggi. Hai però la certezza che gli autori ottengano ciò che gli spetta grazie a un sistema di retribuzione basato, anch'esso, non sul prodotto ma sull'esperienza di lettura: se aumenta il livello di fruizione del testo da parte del lettore, aumentano le royalty per l'autore. E, ovviamente, per ora è solo in inglese.

Se vuoi provarla, iscrivendoti dal sito web (non direttamente dall'app) ottieni un periodo di prova gratuito: qui.

Disclaimer: Richard Nash, nostro ospite storico a If Book Then, è nel team di Byliner.

comments powered by Disqus